Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 163
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0171
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0171
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. i65

questa seconda ; perchè, quanto appartiene
alla prima, parrai di essere a quest’ora paz-
zo assai. Ho però goduto de’vostri lieti con-
viti, intendendogli dalla vostra lettera po-
co meno che se io vi fussi, stato presente »
e pregovi banchettarmi a questo modo il
più spesso che potete ; il che se farete ,
conoscerò Tamor vostro, e piacerammi che
voi siate amato costi moltissimo, cioè tan-
to , quanto meritate . II Mercantelli non
rai ha ancora mandato i libri, e di ciò cre-
do che ìa cagion sia il re Stanìsìao, cora©
i filosofì credono che la cagion del ilusso,
e riflusso sia la luna. Imperocchè il re Sta-
nislao ha fatto nascer guerra tra lo’mpera-
dore e il re di Francia, e questi ha spin-
to gli Spagnuoli inLombardia, e di Lom-
bardia in Toscana f e questo passaggio ha
fatto divenir carissime le vetture a questì
dì , ed ha prodotto che i libri non abbia-
no potuto venirmi. Questo vuol dire saper
spiegare un fenomeno esattamente . Come
avrò i libri , non lascierò di mandarne a
vostro fratello quanti ne Vorrete, siccome
ancora delle rime vostre ; delle quali non
dicendomi voi se ne vogliate mandare a

L » Pa-
loading ...