Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 170
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0178
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0178
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
T E n E

ÌJÓ L E T

terà bene, io credo che non che far pro
fessione, raa presto e reggente e maestro
e provinciale ancor diverrete . Ma chi ò
mai cotesta marchesa che punge la curio-
sità di Madama, la quale , strappatami Ia vo-
stra lettera , ha inteso de’ vostri dialoghi,
non ha inteso ie vostre fantasie; e creden-
do che Ia raarchesa dall’ottica sia una ve-
ra marchesa , ha confuso con Ia marchesa
Legnani il vostro . Se lei però così

preme il desiderio di sapere qual sia que-
sta dama del mondo intelligibile, non me-
no rae tiene il desiderio di vedere quel
tratto di dialogo , che dovrà tra poco ap-
parire nel mondo sensibile , e che a me
così piacerà come a voi piace quella vostra
marchesa, che voi vi fate bella e leggiadra
quanto volete. Se non che io non vi du-
rerò tanta fatica; voi ne averete durato più.
per ammollire e render festoso e gajo un
argomento, che per sè stesso non lo è tan-
to , quanto è quello del Fontenelle, il qua-
le si appigliò ad una forma di dialogo, che
non m’ è paruta mai la più perfetta ; ma
forse mi parrà quando avrò veduto lo squar-
cio clie mi manderete . Io non avrei mai

ardito
loading ...