Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 173
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0181
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0181
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inediteì' 37S

gagni ed uno per Lazzarini, che ne con-
tengon ciascuno due delle vostre legate ,
ed un terzo che ne contien quattro pel
dottore Antoni, al quale ho scritto che due
ne presenti al conte Montenari. A scriver-
vi tutte queste cose parmi aver fatto più,
che fatto non hanno i Francesi quest’inver-
no in Lombardia, ovvero che fatto non ha
xnonsignor Aldrovandi per essere cardina-
le, il quale per lo gran desio della porpo-
ra ha lasciato di litigare con tutte le fami-
glie di Bologna . Più però anche crederò
di aver fatto, se potrò avere alcuna di quel-
le lettere, che voi avete scritto per li ma-
roni di, madaina , e che ella o non ha o
non sa di averle . La negligenza di Fabri
non è però men da temere, che i maroni
di una dama , non nel perder le lettere ,
ma nel determinarsi a restituirle. Farò quan-
to sarà in me . Beccari vi saluta grande-
mente, e crede che voi mi amiate oramai
così poco , che spera di poter essere ama-
to da voi più di me . A voi stà di farmi
vincitore in questa gara , acciocchè io lo
vinca tanto nell’essere amato da voi, quan-
to lo vinco nell’ amar voi . Addio , Alga-

rottino
loading ...