Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 174
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0182
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0182
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
174 L e t t e r è

rottino mio dolce e caro, il quale se nuL
ia intendete di questa mia lettera che io
vi ho scritto con Ia inaggiore rapidità del
mondo , intendete almeno questo che vi
dico inultimoj cioè che io vi amo più che
me stesso , amando me stesso sol tanto quan-
to desidero di esser vostro. Amatemi dun-
que , e non mi ritardate gran fatto il pia^
cere di Ieggere i vostri dialoghi, leggendo
i quali parrammi esser con voi. Addio .

*0*0*0*0*0*0*0*0*0*0*0*0*

Lxvii.

Bologna 27. aprile 1734-

(3ome stà ciò che voi non avete ancor ri-
cevuto gli esemplari delle vostre rime, che
io indirizzai già al Mercantelli, e che egli
mi scrisse di dovere indirizzare avoi? Ye-
dete che corae gli averete * così io il sap-
pia ; perchè questo mi tiene alquanto sol-
lecito. De’vostri dialoghi poi lo sarei me-
no che non sono , se non gli stimassi già

da
loading ...