Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 176
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0184
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0184
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ìyS L E T T E H E

da lui ; e saluteretelo a nouie mio, così
pure l’abate Montemaggi, che essendo mio
molto, deve essere ancor vostro . State sa~
no , Algarottino inio , ed amatemi, come
fate . Adcìio . Àddio .

*o*c*c*c*c*o*c*o+o*c*o*o*

L XVIII.

Bologncv 18, Inglio 1784.

C3ggi ho ricevuto la vostra lettera qua re-
cata da Angelo , per la quale ho sentito
tanto dispiacere , che voi partiate d’ Italia
senza che io possa vedervi, che assai in-
tendo quanto maggior dolore avrei dovuto
sentire , se ne foste partito vedendoyi io ;
che nè parente nè fratello nè altra cosa
più cara potrebbe allontanarsi tanto dame,
ed io vederlo -senza piangerne ; perchè rin-
grazio la mia fòrtuna e il signor Celsio, al
quale pregovi recare i miei saluti più cari
e li miei augurj, consegnandogli le due let-
tere, che troverete accluse in questo plioo

e a hii
loading ...