Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 178
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0186
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0186
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i y8 Lettere

Perdonatemi, se io mi ho preso la libertà
di far quello , a che mi astringeva l’amo-
re . State sano , Algarottino mio dolcissi-
mo , il quale Dio sa quando più rivedrò .
E quando più leggerò quei yostri dialoghi,
ai quali io m’avea preparato l’animo con
tanto piacere ? Ma non ci fermiamo trop-
po in queste considerazioni. II signor Eu-
stachio Manfredi doverebbe tornar presto ,
e dicesi che ora stia meglio; ina la vostra
partenza doverà pur dargli dolore . State
sano , Algarottino mio dolcissimo . Addio ,
loading ...