Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 197
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0205
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0205
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E ,

*97

LXXYI.

Bologna 22. febbrajo 1 y4* *

Quanto debbo ai procellosi mari della
Finlandia et alle sabbie della Pomerania
che non mi abbiano cancellato del tutto
nella memoria vostra , et abbiano lasciato
che io venga con voi tra gli orrori dell ul>
timo settentrione senza saperlo ! Ma più
che d’ altro, debbo loro assai che v’ abbia-
no restituito all’ Ilalia sano e salvo, e for-
se ancora più italiano che non ne parti-
ste. La vostra lettera spira Virgilio et Ora-
zio , che vale a dire l’Italia, da tutte le
parti : nè posso dirvi quanto mi piaccia il
vedere clie pur vi piace quello che un
tempo vi piacque ; nel che ho pure qual-
che interesse mio, parendomi, se così è,
di avere ancor io qualche diritto di piacer-
vi; e giacchè Yirgilio, per quanto me n©
sovviene, cominciò a dilettarvi allora quan-
do cominciammo a leggerlo insieme , cosl
spero che yoi non yorrete che esso vi piac-

N 3

cia
loading ...