Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 199
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0207
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0207
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite» 199

ine aìlora vi amai, così vi amo et aKbrac-
cio pur tuttavia sin cli qua . Acldio , addio .

~k Cd ★ CD ★ CD ~k CD ~k Cd k d5 ★ Cd ~k d5 k d5 k d5 k Cd k di k

LXXYIL

Bologna 18. febbrajo

Poche altre cose potevano occorrermi più
gioconde e più gradite della vostra lette-
ra , che ebbi martedì sera, e che mi ha
fatto certo esser voi pervenuto costà a Ve*
nezia sano e salvo. II che quantunque mi
persuadesse il desiderio che io ne avea ;
giovami tuttavolla che voi mi abbiate con
vostra lettera confermato sicurainente ciò
che io non ardiva credere al mio deside-
rio, se non con timore. Ora applaudo al
mio Algarottino che s’è restituito a’suoi,
e ne ringrazio i venti e le onde che n’han-
no avuto cura, e ce l’hanno renduto sano
et allegro . Se le cerimonie di costà e le
visite e le altre seccaggini vi rapiscono ai
vostri studj et a’vostri pensieri ; vedete da

N 4 ciò ,
loading ...