Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 210
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0218
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0218
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
210 L E T T E R E

pregia in costui, salvo l'antichitci ? poi pren»
derebbe ardir di soggiungere : Lasciamogli
questa misera riputazione . Polianzio esce
subito con la misera riputazione dell’anti-
chità , senza dispor prima quei , che leg-
gono , a sentir subito ed accorgersi della
miseria di questa riputazione ; del qual ar-
dire i Francesi son pieni ; gl’ Inglesi forse
lo saranno essi pure ; ma i nostri sono più
timidi ; e per questo io credo che sieno
ancor più graziosi, mostrando le loro gra-
zie più parcamente , ed appena toccando-
le ; e per questo anche credo che gli stu-
diosi prima si accorgano del grazioso scri-
vere leggendo i Francesi, poi del tutto lo
intendano leggendo i Latini e que’ pochi
Italiani, che bene hanno imitato i Latini.
IVla che è questo, che io a poco a poco
vi scrivo una lezione , non una lettera P
Vedete voi di mandarmi le altre lettere
di Polianzio, di scrivermi esattamente ii
giudizio vostro sopra la mia istoria, e ciò,
che più m’importa, di star bene degli oc-
chi vostri . Se ciò non farete , ed io mi
sdegnerò ancor io. State sano . Che è mai
quella baja costì uscita del Saggio Tn(ico P
loading ...