Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 212
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0220
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0220
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5l4 L E T T E R E

tori di coteste note, che forse voi non co-
noscete abbastanza, e che , a dirvela, fa-
rebbon meglio ad esporre i sentimenti lo-
ro, che a spiegar quelli degli scrittori, che
sono ancor vivi, e se a Dio piace, anche
in istato di dichiarare agli uomini ciò, che
essi abbiano inteso ne' loro scritti . Se io
conoscessi in ciò colpa alcuna dal canto no-
stro , io potrei facilmente e con ogni ve-
rità derivarla tutta in quelli, che qni han-
no dato opera al raccoglimento ed aila stam-
pa di queste benedette iettere; e potrei dir-
vi , e spererei che voi mi credeste , che
per lungo tempo si pensò qui a questa edi-
zione, senza ch’io pensassi ad altro, che a
non pensarvi ; che tutte le mie lettere le
ebbero da altraparte, che dame, toltone
quelle sole , che sono scritte a Morgagni
ed a voi ; le quali hnalmente m’ indussi a
cliiedervi, acciocchè quando già assai altre
se ne stampavano, non si lasciassero quei-
le, che poteano render pubblica ramicizia,
che io aveva avuto con due grandi uomi-
ni. Nè io curai di rileggere le inie lette-
re , anzi desiderai di non farlo , e solo quan-
do già cominciavano a passar sotto il tor-

chio,
loading ...