Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 214
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0222
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0222
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
2l4 L e t t e r e

sa alcnna, che voi non possiate da me esi-
gere ) ma vedete bene , Algarottino mio ,
qual peso s'imporrebbe a quei, che stam-
pano, se nominandosi e Cassini e Maraldi
eBradley, ed oltre a ciò tanti re e signo-
ri , si dovesse prima far parte a ciascuno
di tutto ciò, che lor tocca : il che molto
meno si convien di fare inverso quelli, che
avendo come voi sparsa la fama del loro
nome, hanno consegnata la loro riputazio-
ne in mano agli uornini e datala in preda
alla posterità; ma torno a dire, non è co-
sa , che voi non possiate da me esigere .
E già sappiate che qui è per darsi alie
stampe il secondo tomo degli Atti dell’ac-
cademia dell’ Instituto , il quale io ho di-
steso, nè ho potuto trattar della luce sen-
za ricordarmi di voi, nè ricordarroi di voi
senza nominarvi ; se voi volete ch’io ricer-
chi nell’opera i luoghi, che vi appartengo-
no, e ve gli mandi, ditelmi, e ve gli man-
derò , e gli rnuterò al piacer vostro , che
sarà sempre anche il mio ; il che certamen-
te non faccio ad altri : nè questo dico , per-
chè io intenda di fare alcun favore a voi,
jna perchè voi conosciate che più potete

presso
loading ...