Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 221
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0229
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0229
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
INEDITE. 321

iìcante qì lodi . Del resto siccome io no-
mato v’ ho , e nomato , come potete crede-
re, con somma lode in nna mia operetta ,
che uscirà presto alla luce senza chieder-
vene licenza, nè mandarvi copia dell’arti-
colo , ove si fa menzione di voi ; così io
non pretendo che voi mi mandiate copia
di quello che avete scritto intorno a me ;
del che vi rendo fìn da ora mille e mille
grazie. Io ho voluto soltanto dire nella let-
tera mia, che non sarebbe stato male che
gli editori delle lettere Bolognesi avessero
fatte intese le persone di quel che volea-
no pubblicare intorno a’ioro privati studj,
alle loro particolari inclinazioni , e simili
altre cose che non sono di pubblica ragio-
ne. Del resto io non ho interpretato sen-
timento alcuno d/altrui, che sia, nelle let-
tere. Io ho dato solainente alcune notizie
necessarie, per intender quanto si dice in-
torno la condotta di Padova , di cui si fa
menzione nelle lettere vostre ; ed emmi
convenuto permettere che si faccia una no-
ta sopra una certa febbre lenta dì Lockis-
ino, di cui voi rni fate maìato nelle lette-
re vostre , che io voleva del tutto sorpas-

sare
loading ...