Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 230
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0238
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0238
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
&Z O L E T T E R g

eonsultino per formarle ; ed ho creduto cho
ben sia che voi abbiate una dichiarazione
più ainpia di quel luogo , che voi mi ac-
cennate ; acciocchè ne facciate quell’uso,
che vi parrà, mostrando anche questa let-
tera mia, se vi parrà. Così dico; perchè
di nulla vi stringo ; e se vi piace, sia tut-
to il detto per non detto . Non voglio io
già aver per non detto quello, che mi scri-
vete, lasciandomi una piena libertà di dir
di voi negli Atti della nostra Accadeinia
quel, che mi piaccia , senza priina farve»
ne avvertito ; la qual libertà io accetto ben
volentieri, e conosco anche in questo l’amor
yostro. Io però voglio conoscerlo anche in
un’altra cosa, ed è, che voi ini permettia-
te di non valermi di quella libertà , che
mi concedete ; non già perchè io dubiti
che voi non me la concediate sincerissima-
mente, ma perchè essendo venuto a ragio-
namento con voi sopra quest’ opera , avrei
voluto poter comunicarla con voi ; e giacchè
non posso nè tutta , nè alcuna parte di es-
sa assai notabile ( che il teinpo e il como-
do del ricopiare mi manca) desidero alrne-
no comunicarvene alcuna particella ; e qnei-
loading ...