Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 240
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0248
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0248
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s4o L E T T E R E

to (i), anche perchè non paja chestampan-
dolo io qui inBologna, io venga a stampar
le mie locìi; che mia pur lode è, e gran-
dissima , l’aver voi voluto indirizzare a me
un cosi leggiadro parto dello studio vostro.
Però 1’ ho mandato al detto signor abate ,
che già l’ ha ricevuto insierae con le mu-
tazioni, che mi mandaste ; e già m’ha ri-
sposto che non istarebbe molto a farlo im-
primere. Io non veggo l’ora di veclerne la
stampa; ed anche per questo mi piace ohe
si stampi in Venezia ; perchè qui ( come
son fatti i nostri stampatori ) mi sarebbe
stato un graa torrnento l' indugio ; come
l’è quello di vedere il Neutonianismo vo-
stro , che in qualunque maniera esca fuo-
ri, uscirà sempre belio ed adorno. II s'ig.
abate Ortes mi ha scritlo che già è stam-
pato tutto, nè altro aspetta per uscire , che
la permission vostra. Dategliela prestamen-
te anche per amor mio . Statesano, e scri-
vetemi cjualche volta, acciocchè mi paja
di essere men lontano da voi. Eiiam sta-
te sano . Addio . Addio .

(1) Saggio sopra la durata dei regni' dei
Re di Roma. riportato nel T. IV,
loading ...