Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 242
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0250
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0250
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S/s2 L E T T B H E

le, che a voi piacerà. Tutti gli opuscoìi,
che questa parte contiene , non vagliono
un solo dei vostri dialoghi ; pure la cosa
istessa porta che mentre voi mi favorite di
questi, io non abbia altro da ofserirvi, se
non quelli. E dovrò io dunque rimanermi
dalla mia offerta? O non dovremo più to-
sto lasciar da parte le cerimonie ? E non
siete voi ancora il rnio Algarottino? Prego-
vi dunque di ricevere come amico da un
ainico la mia piccola offerta . Voi vi tro-
verete una mia dissertazioncella geometrica
così semplice e così facile, che vuol farsi
intendere anche a quelli, che nulla altro
sanno di geometria , fuorchè un poco di
Euclide. Vi troverete anche una mia pre-
fazione , che si vergogna di andar innanzi
agli opuscoli ; ma io ve l’ ho indotta con
la speianza, che dovrà essere compatita da
tutti quelli, che mi voglion bene. Io met-
to tra questi, e in primo luogo, vc-i, spe-
rando che l’amore verso me vostro non sia
jninore del mio verso di voi. II vostro ra-
gionamento sopra i re di Roma è stato qui
molto applaudito . Se la gloria ne è tutta
ycstra , il piacere ne è anche mio . State

sano ,
loading ...