Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 253
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0261
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0261
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Ittédìti:* s53

di cuì parimente vi ringrazio ; e il farei
più volentieri ? se il tenore di questa se-
conda lettera non mi avesse quasi tolto
quella speranza, che mi avea dato la pri-
ma, e ciò è, che voi foste tra non molto
per tornarvi in Italia. In questo intervallo
ho poi ricevuto da monsig. Malvezzi quel-
la attestazione scritta, di cui già avrete in-
teso dall’ altre mie , e che io aspettava di
dì in dì per rispondervi. Io conserverò ta-
le attestàzione presso di me a disposizion
vostra. Circa la lettera del signor di Mau-
pertuis , che io feci leggere all’ astronomo
Eustachio, avrete inteso da lui stesso ; che
so ch’egli vi scrisse subito, mandandovi la
lettera per mezzo del fratel vostro. Per dir
vero , a lui parve ed anche a me che il
sig. di Maupertuis meravigliandosi di ciò,
che abbiamo detto della fìgura della terra,
non tanto sappia maravigliarsi , quanto sa
filosofare, e più possegga i luoghi della geo-
metria, che quelli dell’ammirazione. Io gli
son ben tenuto, e vo ben lieto del giudi-
zio, che un tanto uomo ha voluto dar del-
lo stile, con cui io scrissi un libro così a
me dispettoso. Yoi però avrete qualche col-

Pa
loading ...