Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 257
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0265
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0265
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Xnedite.

3,5?

XCIL

Bologna 5. settembre 1747.

S E voi siete sano, bene sta : aneh’ io lo
sono. La qual salutazione se è antica, po-
trà farvi ricordare il secol d’oro e ricono-
scere Fantica sincerità. Non so se cosa al-
cuna possa mostrarvisi più rara e più ma-
ravigliosa, dacchè siete avvolto nelle gran.
corti. Io , che ne son lontano , mi trovo
ancora in quel sincerissimo : Vi amo, Al-
garottino mio ; amaiemi, e stttte sano. Ma
venendo a ciò, perchè io vi do il presen-
te incomodo , sappiate che io oggi spedi-
sco al vostro signor Sebastiano Sartori in-
sieme con questa nxia Ia terza parte, che,
a Dio piacendo, è ancor l’ultima, del se-
condo tomo degli Atti della nostra Acca»
demia delle scienze, e lo prego di recapi-
tarvela, secondo ch’egli avrà coraodo e sti-
merà più opportuno . Corne questa parLe è
piena di matematiche ( e ne sovrabbonda )
così voi vi ci troyerete voi stesso tra le ec-
To: XII. R clissi
loading ...