Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 269
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0277
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0277
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite»

26g

XCVI.

Bologna 27. gennajo iy56.

.Rispondo in fretta alla vostra dolcissima
de’ìy. , il che farà che io vi superi nella
brevità. Del vostro hel dramma vi confer-
mo queìlo che già vi scrissi ; e similmen-
te del discorso, di cui detto avendovi che
molto e molto mi piace , per dirvi quello
che mi chiedete , più tempo mi si ricer-
cherebbe , e verremmo a certe minutezze
che non lo meritano . Mi parrà tuttavia che
lo meritino, se voi vorrete pure ch'io ve
ne scriva un’altra volta. Intanto che fate?
Ghe non uscite con quegli altri discorsi che
rni prometteste? Del Yalvasense intesi, non
però tutto quello che io volea ; percnè ml
sarebbe grato sapere se siasi cominciata an-
cora la stampa dell’operetta clei pad. Schia-
ra : io non son tanto fdosofo, che non ne
senta qualche ansietà. Questa opera sareb-
be necessaria a coinpiere quell’ istoriella ?
che voi mi proponete di steadere; la qual

cosa
loading ...