Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 272
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0280
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0280
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
272 L E T T E R E

molti si giudica allo stesso modo . II Bo-
scovicfc non ha , ch’ io sappia , dato fuori
verun poema : so che uno già ne compo-
neva mentre viaggiava per questo stato ,
misurando il globo terracqueo . Se T avrà
J&nito e lo darà fuori , sarà cosa meravi-
gliosa che un masematico così occupato e
con così gran fretta abbia fatto tanto. Sen-
za questo poema sono alla luce alcuni suoi
versi latini, e credo un’ egloga in certa rac-
colta delle poesie degliArcadi, di cui par-
mi che sia riferito in un tomo della storia
letteraria , ove o tutta si reca., o almeno
squarci lunghissimi . Del Cominale scrive-
rò a Napoli, comechè voi nol ini impon-
ghiate . Ho già da scriver colà per altro .
Lingraziovi poi senza fine dei tre esempla-
ri del vostro elegante libro sopra YOpera,
e degìi altri quattro delle vostre bellissime
epistole . Una febbretta che mi ha tenuto
in letto piu giorni, non mi ha già impe-
dito di fare avere uno di questi al dottor
Fabri, ed un altro al pad. Pvoberti : mi ha
bene impedito di spedirne uno a Lucca coi
primi tre , siccome voi desideravate : gb
spedirò venerdì . Di quei due primi che

ebbero
loading ...