Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 279
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0287
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0287
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
N E B I T E 4

370

C.

Vech'ana 13. luglio 1708»

tViCEVO la vostra rtmanissima degli 11. ©
ve ne ringrazio . Qui tutto si dispone per
tornare in città venerdì dopo il pranzo . Io
tornerò di buona voglia alla mia solitudi-
ne . Così dico , perchè in città sto solo quan*
to io voglio , cioè quasi sempre : in villa
non posso farlo , se non quanto vogliono
gli altri, e vogliono sempre poco al desi-
derio mio. Qui molto mi hanno divertito
e Caritone e le lettere delBonfadio, stam-
pate ora in Brescia e mandatemi in dono
dalbabate Sambuca, e Isocrate, e più che
altro le lettere vostre. Come sarò a Bolo-
gna, mi piacerà più, che non potete cre-
dere , di vedervi ; ma non vorrei per ciò
venire in odio a cotesta gentilissima dama
che tanto onoro , e cui riverirete a inio
nome. Piacemi quello che mi scrivete del-
ìa guerra , e veggo che voi avete quella
qitalità, che èsommamente necessaria aua

S 4 ca~
loading ...