Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 301
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0309
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0309
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. Soì

e che poi sian passate sino alla sesta gran-
dezza ; siccoine la prima dell’Àquila (pri-
ina secondo il catalogo di Ticone ) notata
da Alfonso di seconda grandezza e da Ti-
cone disesta. Egli pare che ìe stelle prin-
cipali non siano soggette a queste vicende .

Verso Ia fine del mese corrente io ver-
rò ben volentieri a ricevere costì le vostre
grazie, e lo desidero tanto, che io non ve-
do i’ora divenirci. Mi dispiace che io non.
potrò starvi fino aquaresima, siccome ave-
vamo determinato, non ricordandomi d’una
eclissi che succede il primo di marzo, al-
la quale interyerranno forse i signori supe-
riori come ad una messa cantata, e forse
sì scandalizzerebbero di ine, se non vi fos-
si presente .

Non so se potrò meco condurre il zio ;
egli è troppo paresseux per intraprendere
questo viaggio, che pure ha fatto tante vol-
te . Tutti di mia casa vs fanno secondo ii
solito i loro compiimenti, come pure il si-
gnor Manfredi,
loading ...