Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 302
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0310
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0310
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R È

-£Q

V.

Bologna 29. gentiajo l'jZj-

Solo questa mattìna ho ricevuto la vostra
scritta il di 11. gennajo. Non so quale sia
stata la cagione di questa tardanza; so be-
ne che ciò non è succeduto per mia col-
pa , dacchè io non ho mancato di visitare
la posta desideroso di vostre lettere. Que-
sti postieri hanno tutta lacolpa, nè io per-
ciò debbo perdere quel concetto che ave-
te satto di me, che io sia puntuale in ese-
guire le vostre oomniissioni. Per questa par-
te nulla mi resta a temere ; temo bensì di
poter soddisfare alle vostre domande; per-
chè io non ho notizia di quel Bonicchio ,
che ha dato il nome di pianeti alle mac-
chie del soìe . Ecco quanto ho letto nell’
ALmagesto di Riccioli che farà al vostro pro-
posito : Carolus Malapertius Belga soc. Jes.
edidit opusculum de maculis solaribus, quod
inscripsit Austriaca Sidera Heliocyclia . Idem
Malapertius et An: M: de Rheita, et Ada-

mus
loading ...