Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 305
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0313
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0313
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ISTEDITE*

3o5

YL

Bologna 18. dicembre

T\.iceVuta Ia vostra lettera io lessi i ver*
si mandatimi al signor zio, e dopo al sig.
Manfredi ; quest’ ultimo lor fece applauso
senza farvi sopra alcuna particolare rifles-
sione ; non così l’altro, che più attentamen-
te li esaminò , e io vi dirò schiettamente
il suo giudizio , giacchè così a voi piace .
Quel verso : macchina no , dubbio animal
■pensante (1), non gli pare che sia degno di
stare con gli altri ; perchè, se quel dubbio
mette in forse che l’animale sia pensante,
si distrugge l’asserzione ch’egli non sia mac-
cliina; se poi dubbio si prende per dubbio-
so , è lo stesso che l’essere pensante ; e
fìnalmente o vagliano o non vagliano que-
ste ragioni, a lui pare che il verso sia al-
quanto duro e non dei genere e mollezza
degli altri. A me quel dubbio non dà nien-

te

(1) Y. T. I. pag. ìyz.

To: XII.

Y
loading ...