Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 314
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0322
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0322
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5l4 L E T T E R £

do questo dal modo con cui certe cose s-i
disporranno. Io non mancherò certo, e v©
lo giuro per Dio , di fare il possibile pei?
venirci, e vi torno a dire ché la vostra
compagnia la preferisco a quella di qualun-
que altro . Intanto scrivetemi voi quandó
pensate di partire da Milano, e se voi sie-
te risoluto di ritornare a Yenezia, non do-
vendo la vostra risoluzione dipendere dal-
la mia ; perchè questa sarebbe una Jfinezza
c-he io non merito in conto alcuno .

Scusate se io vi ho scritto una lettera
così a salti come ho fatto ; perchè io sono
così infastidito e imbarazzato da mille cose,
che non so^nè quello mi dica , nè quello
mifaccia. Scusate, se non ho parlato a lun-
go di ciò che doveva, e se mi sono este-
so in quello in che doveva esser breve .
Caro ii mio signor Francesco , continuate
a volermi bene, sicuro che ne siete corri-
sposto . Io conto molto sulFamor yostro »
Addio .
loading ...