Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 328
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0336
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0336
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
528 L E T T E It E

so a voi, parmi di divenirlo ancor maggior.

mente. Addio, io vi do un bacio. Addio,

*o*o*o*o*o*o*o*o*o*o*o*o*

XII.

Bologna 21. febbrajo 1759,

C^uanto amerei di potermi trattenere con
voi in discorsi allegri e godere corne il me«
glio si può da così lontano della nostra ami-
cizia ; ma io non posso trattenermi sul prin-
cipio della lettera dal recarvi una nuova
funesta, che mi ha tenuto ne’passati gior-
ni in una profonda e dolorosa inalinconia ,,
e di cui voi comincierete ora a provarne
gli esfetti. II nostro signor Eustachio Man-
fredi dopo un parossismo di 19. giorni se
n’è passato all’altra vita. Voi vi potete im-
maginare quali tristi conseguenze ha cagio-
nato negli amici la morte cl’ un tanto uo-
mo . Se vi foste trovato presente quando
egli gemea per gli acerbi dolori che a lui
recava un sì tormentoso male, forse vi pio-

por-
loading ...