Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 332
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0340
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0340
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
352 L E T T E R. E

sco che io mi trovo in Bologna presso A
poco nello stesso piede, in cui voi eravate
a Yenezia. Qui non si discorre che di me,
coiue di uno che sia tutto dato al diver-
timento, e che passi l’intiera giornata con
donne ; il che v’assicuro essere falsissiino ♦
Se mai un’altra vol'ca fossi richiamato a Pa-
dova, lo che forse potrebbe facilmente suc»
cedere, non essendo stata ancora provvista
la cattedra, che mi consigliate voi di fa-
re ? Mi spiacerebbe di essere troppo lega-
to, sicchè mi fosse proibito di potere una
volta venire a trovarvi in coteste parti e
godere di voi e della vostra fortuna. Nel-
lalettera, che ho da voi ricevuto verso Ia
fine di decembre , mi fate sperare quello
che senza di voi non è inai possibile ch’io
ottenga . Alcune volte penso meco mede-
simo alla vostra sincera amicizia e al vo-
stro araore , nè vi posso esprimere qual
consolazione e qual piacere mi rechi que-
sta considerazione. Come può essere, dico
alle volte , che un giovine del vostro spi-
rito e di un rnerito singolare, a cui il pia-
cere se gli fa incontro per tutto , e che
ora si trova in mezzo alle delizie e alle con-

yer-
loading ...