Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 344
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0352
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0352
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
344 L E T T E R E

che si è trovato tra le carte del Manfredi
è tanto pieno di cassature, che non si può
leggere senza una inlìnita fatica, non si
può a meno di ricorrere a voi e di darvi
questo incomodo. Si vorrebbono ancora stam-
pare le lettere di lui e principalmente quel-
le che fossero in parte scientihche ed eru-
dite . Non vi dovrebbe spiacere che fosse
fatta pubblica la corrispondenza e l'amore
che aveva per voi un tanto uomo. Pensa-
te dunque al inodo di raccoglierle e di re-
capitarmele. Se voi foste in Francia, vi
pregherei a fare una ricerca generale di
quelle presso i letterati che hanno carteg-
giato seco. Yerrà tempo che lo potrete fa-
re , e spero che lo vorrete . Mio padre e
mio zio vi abbracciano caramente ; il pri-
mo vi ringrazia non solo della memoria
che conservate di lui , ma in particolar©
dell'amicizia e sincero amore che avete per
me ; l’altro appena si dà tempo di pensa-
re alle cose di questo mondo . Egli se la
intende tutto giorno coi compositori di no-
vene e coi direttori di congregazioni, lo
che fa che noi ci trattiamo poco. Vi avrò
dato una lunga noja con questa lettera, ma
loading ...