Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 347
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0355
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0355
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
subito in compagnia di mio zio la Iettera
sopra il sistema del Rizzetti , Ia quale de*
ve piacer a tutti, fuorchè al Piizzetti. Essa
è molto chiara e precisa , lo che non ha
saputo fare il vostro antagonista. I versi al-
la czarina sono maestosi e belli, e sono pia-*
ciuti ancora a mio padre , che voi sapete
essere adoratore del Petrarca e di quelli
del cinquecento. Con vostra pace quel so-
netto di Voltaire non mi piace nulla. PIo
letto i dialoghi e v' ho trovato molte ag-
giunte , oltre le coirezioni che vi avete fat-
to . Voi dovete essere contentissimo di aver-
li ridotti a questo segno. Quella è un’ope-
ra, di cui la stima e il pregio aumenterà
sempre più , al contrario delle opere medio-
cri, che quanto più sono vecchie tanto me-
no si prezzano. Godrò di leggere la vostra
dissertazione sopra lapoesia, ed il saggio so-
pra le guerre civili tra Cesare e Pompeo ,
il quale mi giungerà opportunamente . Io
sto leggendo per mio divertimento l’istoria
romana dell’Echard tradotta dall’inglese in
lingua francese. Essa è molto bene scritta
e molto ben condotta, in somma parmi im
capo d’opera. Ma voi quante cose mai vol-

gete
loading ...