Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 349
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0357
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0357
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
InEDITE» 349

potreste fare il viaggio dell’America e tor-
uare in tempo per vederne Fabbozzo . Quan-
do avrete ricevuto le comete , rai farete
piacere a darmene avviso e a dirmi il vo-
stro giudizio sopra quei metodi che ho pro-
posto di osservare, i quali invero sono ba-
gattelle, ma sono bagattelle astronomiche , e
tanto basta perch’ io ne debba far conto .
Quella cometa è stata ben disgraziata, non
essendo stata osservata in alcun luogo fuo-
ri d’Italia. Aspetto un libro che mi man-
da in dono 111. dell’Isle da Petroburgo so-
pra i progressi dell’astronomia e della geo-
grafia che voi forse avrete veduto, ed ho
preventivamente avuto avviso ch’egli non
abbia osservata la cometa . M.r di Mairan
mi scrive da Parigi d’avere ricevuto la mia
osservazione, ma nulla mi dice se sia sta-
ta da alcuno osservata . II di lui silenzio mi
fa credere che non 1’ abbiano veduta . Mi
aggiunge d’aver sentito leggere in Accade-
mia l’elogio sopra il Manfredi fatto da Fon-
tenelle. Quanto bramerei di vederlo ! Fra’
miei titoii spero la mercè vostra di aggiun-
gervi quello di socio di cotesta regia Socie-
tà, ma più d’ogni altro amo ed amerò sem»
pre di essere il vostro Eustachio Zanotti,
loading ...