Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 365
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0373
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0373
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
XVIII.

Bologna 28. maggio

Dopo veduta FAscensa , e dopo ricevuta
mille onestà e fìnezze da vostro fratello,
me ne venni a Bologna, ove appena giun-
to intesi che gli Assunti dell’Instituto era-
no furenti contro di me per la mia lon-
tananza. Io che conosco questi signori mi
rideva della loro collera ; e infatti quando
fui a riverirli, non ottenni che iinezze da
loro, a segnotale, che mi pareva d’essera
in un paese forestiero. Eglino, come po-
tete irnmaginarvelo , mi domandarono di
voi. Dissi ioro il felice incontro che ave-
te avuto col Re, per cui tutti ne fanno
meraviglia . Chi vi fa al vostro ritorno in
Prussia primo ministro ; chi vi destina per
la Spagna, secondo la voce corsa tempo fa ;
chi discorre in un modo, e chi in un al-
tro , ma tutti vi presagiscono proporziona-
tamente a quel gran re che seryite. La
Marchesa quante interrogazioni non mi fe-
loading ...