Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 367
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0375
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0375
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite.- 3 67

aìla quale intervennero mio zio , mio pa-
dre , don Domenico Fabri, Aiessandro Fa-
bri, il dottor Balbi , il signor Balì Mar-
colini , Yandelli, Ghedini, e per ultimo
la marchesa Ratta, che ci onorò di copio-
si rinfreschi. Scarselli e Beccari erano an-
ch’essi inyitati, ma furono impediti . Ag-
giungerò qui le riflessioni , che vi furono
fatte sopra . Yoi ne riceverete altre da qui
a qualche tempo , scritte con più precisio-
ne e più copiosamente dal signor Alessan-
droFabri, il quale mi ha domandato il vo-
stro scritto per esaminarlo attentamente,
e fargli la critica . Intanto vi mando que-
ste poche, acciò non abbiate ad aspettare
troppo lungo tempo novelle della vostra tra-
duzione.

Della luna, e del sol V intero corso :

facendosi la costruzione del periodo, non
si vede come questo verso v’abbia che fa-
re , qua currit sidus utrumque . Forse sa-
rebbe meglio interpretato da oriente in oc-
cidente, tanto più che vi sono alcuni pas-
si d’ altri autori, che dinotano V oriente e
X occidente col sidus utrumque.

Pcr-
loading ...