Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 369
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0377
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0377
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
IhEBITÉì-
Di sangue sol fu Qerere nudrita.

Àd alcuni dispiacque il prender Cerere per
le biade } quantunque sia stata alle volta
usurpata da' poeti .

Sdrucciolante suol. Forse non si può dar
quell’epiteto al suolo, ma bensì conyerreb»
be alla cosa che sdrncciola. Si potrebbà
dire lubrico .

Inter tot fortes armatus nescìo 'Vincì.

Voi mi seguite, e la gran lìte è vinta ; non,
pàr tradotto colla stessa forza.

Ecco quel tanto che si notò in quella
dotta assemblea . Altre riflessioni furono fat-
te, che riguardano solamente il poema, 0
non la vostra traduzione ; come per esein-
pio . D' una flotta fia d' uopo .

A brano a hrano si tragitta il tnondo .
Suol di ghiaccio e di neve ispido e duro ?
Che a sostener varrebbe ìl ciel sul dorso *

Xn aria il cadente diluvio era sospeso .

Queste espressioni pajono troppo ardito
e improprie, ma di esse ne renda ragion©
Petronio Arbitro.

'To: XII. A a Non
loading ...