Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 390
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0398
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0398
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Sgo L E T T E H E

peso di procurare che rAccademia sia proT^
yista di dissertazioni. E come potrò meglio
servirla , che procurandole cose vostre ?
Vi sovvenga che voi mi prometteste di sten»
dere quattro righe , che servissero d’esor-
dio per leggere in Accademia Ie vostre dis-
sertazioni della luce e dei colori scritte con-
tro m.r du Fay. Ora come presidente e
corae vostro amico vi prego a non iscordar-
vi di questo favore . Mio zio tiene ora pres-
so di sè la traduzione di Petronio ; non du-
feitate che a suo tempo ne avrete novelle,
iVoi siete ancora inBerlino, o siete passa-
So al campo ? Quando avete ozio datemi
nuove di voi . Qui si dice che l’ esercito
prussiano abbia disfatto gli Alemanni_, ma
la nuova non si dà per sicura. H marche-
se Guido vi saluta. Salutate il sig. Santa-
sfelli. Voi amatemi e credetemi tutto vq-
stro.

*0*0 *
*o*
loading ...