Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 404
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0412
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0412
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
404 L E * T S R É

to più, dai ragionaraenti di lei medesitna^
tuttavia non l’ho mai io conosciuto tanto,
quantoora, che ella s’è compiaciuta man-
darmi due suoi bellissimi e leggiadri e
gentili componimenti l’uno in prosa ,• e
l’altro in versi, ne’quali di vero si cono-
sce che ella ha tanto preso dagli autori
antichi , che più altro non resta da pren-
dere . Nel che avendo io grandemente am-
mirato tutte le altre parti ho eziandio pre-
so gran meraviglia dell’avvedimento e pru-
denza sua, che avendo ella seguir voluto
l’antica e vecchia forma di dire abbia an-
che scelto a ciò fare argomento vecchio ed

an-

le lettere, che nella hlosofia, e compose anch©
de’trattati per la privata di lei istruzione e del-
le sue flglie . Qual parte abbia avuto nell’ami-
cizia di questa donna rispettabile il giovinetto
Algarotti, lo mostrano le seguenti lettere, nel-
le quali , sgombra dall’ impaccio de’ titoli vani
e delle stucchevoli cerimonie, spicca maraviglio-
samente quell aurea latina semplicità , vivo spec-
chio del candore e della generosità dell’animo^
e tanto rara ad incontrarsi nelle raccolte de'
pistolografì.
loading ...