Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 409
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0417
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0417
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I sr E D I T E , 4°9

Vini talenti ; ma se giungeranno, non leg»
gero conforto saranno degli accesi miei de-
siderj. Frattanto molto ti ringrazio che fra
tante parte dolci, parte amare distrazioni
tu abbiaavuto sì accurata memoria de’miei
Cantarani ; ma ti priego bene , perchè io
non ne ho cotanta fretta * a non voler ora
crescerti briga con tali pensieri , ma dar
tempo che le nozze si compiano, da cui
prego Dio che tegna iontana ogni nube ed
ogni nebbia > onde si compiano lietamen-
te . II yeder Manfredi, e ragionar di te sa-
rà cosa d’un tempo solo, nè esser potreb-
be altrimente, Mio marito ti ringrazia de8
tuoi saluti, ed è stato ii copiatore degl’in-
CÌusi sonetti ; con gli altri, quando verran-
no a conversazione, non mancherò d’adem-
pier tue commissioni. Adempi tu quella
di tenermi nella tua memoria, di cui ti
gravo sopra ogn’altra cosa; e in quella del
fuo reggitore , che mi persuado lo potrai
fare -, Sta sano *
loading ...