Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 410
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0418
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0418
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L E T T E R

E

/f10

III.

Husso 4. agosto l'joi.

10 sono riraasa assai contenta che voi non
abbiate riempiuto il vostro foglio d’insipi-
di e nojosi fatti d’altri, ma bensì de’vostri
gentili e spiritosi sentimenti, i quali, co~
mechè siano più da poeta , che da filosofo,
hanno sempre diritto dipiacermi; siceome
piacemi che ii degnissimo nostro Manfredi
si conservi così bello e panciuto, che giam-
mai, e senza che quel possente dio , che
turba e sconvolge tutte le cose, abbia osa-
to di nuocergli o d’ ofsenderlo ; ed è ben
conveniente che avendoJo egli co’suoi ver-
si posto in tanto pregio, non riceva all’in-
contro da lui pena ed oltraggio . Io parto
oggi perVedrana, ed ho meco il buon Fa-
bri, che abbisognandoini una nuvoletta, con
un salve beato veglio, me la farà compa-
rire . Ma pensó a dir vero di non recarli
questo incomodo, perchè alla delicatezza
mia più si confà il caldo dei sole, che 1’

umido
loading ...