Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 415
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0423
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0423
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I K E D I T E , 4i5

sntendenti vi posso assiclirare , ch’ ella si
portò valorosamente, e fece annnirazione
e stupore a tuttio Durò la disputa due ore
e un quarto, e sarebbe andata più avanti,
se i cardinali l’avessero permesso, che cre-
derono non doyerla saticar più . Onde el-
la, fatto il grazioso ringraziamento, fu ricon-
dotta da noi sra gli applausi universali nel-
le stanze del sig. Gonsaloniere , dove po»
co appresso fummo servite con essa di co-
pioso rinfresco : ma ella era sì fresca e for-
te, che avrebbe incominciata di bel nuo-
vo la disputa , non ostante che avesse sì lun-
gamente, e con tanta appiicazione fìn allo-
ra parlato ; e circa l’un’ora di notte fu da
noi riconclotta a casa sua. Eccovi le nuo-
ve che io vi do , per le cjuali io n’ esigo
da voi somiglianti delle persone vostre, non
già quanto a dispute, che costì non è tera~
po, ma quanto alla salute vostra, e alle
presenti occupazioni ; le quali nuove re-
candomi tanto piacer mi darete , quanto è
grande l’affetto che vi porto. B.icorclo a
Checco bolognese l’elegia latina promessa
nel dottoramento della giovine , che sarà
prima del fìrx clel mese, essendomene sta-

ta
loading ...