Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 429
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0437
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0437
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
IlsEDITEe 439

gerebbe afsatto quel buon concetto , che>
qualche persona data a ben dire avesse po-
tuto farmi presso di lui ; che non sospetto
di voi , sapendo bene che non avete tali
peccati nella coscienza . Ho mandato su*
bito il conto del burrà a mio fratelio ; ma
per ora non ho potuto avere da lui rispo-
sta, sendo egli tutto occupato nelle cure
pubbliche pìe e divote in occasion di que-
ste rogazioni ; che non è poco imbarazzo
per tutti gli ordini di persone la troppo
gran sollecitudine del nostro arcivescovo in
queste ecclesiastiche funzioni. Non ho man-
cato di legger al dottor Beccari il capitolo
della vostra lettera toccante a lui; giacchè
la sorte m’è stata favorevole di potervi ser-
vire prontamente, trovandosi da me quan-
do ho ricevuto la vostra lettera. Egli dun-
que vi ringrazia dolcemente e tanto, che
pare avere il miele in bocca. lo gli ho in-
yidia come quella, ch’ho di che, sapendo
ch’altri godono la soavità delle vostre rime ,
e le rime di quelia, ch’ora è de’pensier vo-
stri in cima, e toccando a ine di raccorre le
bricciole, laquale, non son due mesi, era
delle prime a goderne. Mi rallegro che vi

di-
loading ...