Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 430
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0438
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0438
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
43 O L E T T E R. E

divertiate alla carapagna. Oh quanto Vi sa-
rà ella gioconda ad ambedue ! Io per me
non ne ho più alcuna , che possa piacer-
mi, lontani voi , che n’eravate la delizia
e il condimento più saporito. Egli non mi
restava altro conforto che Manfredi , con
cui quando accadeva abboccarmi, serapre
si facevano parole di voi. Ora egli se n’è
gito : misera invero e grama ine ! nè sarà
di ritorno prima di decembre. Egli fu a
ritrovarmi la sera antecedente, e vi si tro-
vò anehe Ia signora Laura . Io vi do que-
sta notizia, perchè abbiate onde desiderar
alcuna volta Ja mia conversazione da sì chia-
ri personaggi onorata. Yoglio avvisarvi che
al cardinale di Polignac dispiacque nel vo-
stro sonetto per la sign. Laura quel verso
del Gailo superbo , e ciò faccio , perchè
se nella visita, che forse gli farete , ne fa-
eesse memoria, non vi colga all’ improvvi-
so . Benchè voi siete sì destro d’ingegno,
che sapete schermirvi da tutti i colpi. Ora
state sano , e senza tanti brindisi, che mi
promettete , tenetemi salda nella meraoria
vostra, come io tengo tutt’ora voi e terrò
sempre. Addio ,

Gran
loading ...