Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 432
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0440
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0440
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
JL E T T E R E

4'ÓZ

IX.

Bologna 16. novembre \rj’òTS;

c

v—ihecco mio dolcissimo , se tu vuoi ch’ió
i’intenda, scrivimi pur italiano , altramen-
te o non ti risponderò, o il farò male a
proposito. Greco poi, certo ,■ gli è lo stes-
so chese arabico , o indiano mi avessi scrit-
to, e così aresti potuto a tuo senno male-
dirmi e bestemmiarmi impunemente, co-
me son persuasa che contro mio inerito
m'abbi commendata. Oi io mi rallegro cho
tra coteste sì venerande antichità meni gior-
ni lietissxmi, e piacendoti esse, mi lascian
luosm a credere che io non ti debba tan-

O

to dispiacere, onde sosfrirò con pace se il
cambio, di ch’io t'avea pregata, non hai
potuto contrattare. Godo delle finezze, ché
ricevi da cotesta nobiltà Jborentina, nè mé
ne meraviglio ; poichè i meriti tuoi hanno
troppo forti attrattive, massime presso ani-
mi sì perfetti conoscitori coine cotesti so*
no c Le commissioni, che mi liai date ora,-
loading ...