Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 435
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0443
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0443
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ì N E

X3 I T E i

435

X,

Bologna 1. dicembre iy33i

Checco soavissimo, t’assicuro ch’io soho
piena di confusione, vedendo che per aver
voluto far meglio ho fatto peggio , appog-
giando l’afsare del tuo Marco al marchese
Fabio . Tu perdonami l’ esito poco favore-
vole, che ha avuto l’affare, e guarda so-
lo all’ intenzione, che ho avuto io , che ò
stata ottirna, nè rai voler gastigare da qui
avanti colla privazione de’ tuoi comandi ;
che non voglio credere che la fortuna nx’
abbia poi ad essere sempre contraria , Co-
me mi è stata in questa occasione ; certo
che presentemente l’influsso che ho è sgra-
ziato per ben servirti , rna non sarà sem*
pre così. Trovo ancora della difficoltà a
mandarti quella tal poivere prontamente 4
Monsignor Albergotti mi ha promesso por-
tartela al suo ritorno in Firenze, ma que*
sto seguirà al fine dell’entrante mese. Sa-
rà ella in tempo? Tu vedi che non ci vuol
E e % fret-
loading ...