Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 436
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0444
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0444
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
436 L E T T E R E

fretta; raa il dire a uu giovine furioso ccm
me se’ tu, non ci vuol fretta, so che è la
più aspra cosa del rnondo ; ed io ti com-
patisco, che ancorchè giovine io non sia,
sono però mal paziente, massime sul par-
ticolare di non poterti servire con quella
prontezza, che ricercherebbe il tuo deside-
rio ; premendo a ine , quanto a te che que-
sto tuo amico possa restar servito con ogni
maggior sollecitudine : ed ancorchè egli ti
avesse condotte a casa una dozzina di bel-
le l’agazze ; io tutto gli perdonerei ; non ri-
sguardando in lui, che il bel merito d’esse-
re tuo buon amico, che corae tale io l’ono-
ro e Io stimo molto più di quel che farei
per il suo merito proprio ; anzi ti prego ri-
verirlo distintamente a mio noine. II dot-
tor Francesco ti manda il tuo Anacreonte ;
io ti mando felici nuove di mia salute .
Tu segui a mandare a me tutte le mag-
giori sicurezze della tua buona grazia e del-
la tua sincera amicizia. Addio . Addio -

/
loading ...