Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 438
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0446
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0446
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
438 L E T T E R E

Vinegia , onde sei nato , ne’quali paesi e

i caratteri e la carta e ogni altro capitale

degli stampatori sono più politi, più iina e

più abbondante, l’edizione sarebbe uscita

si bella, corn’esse meritayano. Ma noi sia-

mo a Bologna, ove si scarseggia, come tu

sai, d’ogni cosa, ed in ispecie di tali co-

modità. Ben posso dirti che la stampa qual

ch’ella sia stata, haavutotal direttore, che

miglior non avresti avuto per ciò, non di-

ròin Vinegia, o inFirenze, ma neppur per

tutta r Olanda e F Inghilterra , se colà le

tue rime si fossero mandate a stampare .

Dirotti ancora ch’ io sono arrivata ad aver

l’intento, ch’io desiderava, cioè di veder

le tue rinre stainpate con tanto onor tuo ,

sentendole lodar molto da quei, che son

desrni estimatori del Gasa, del Bembo e del

Petrarca. In somma io mi compiaccio me-

co stessa d’essere stata la promotrice , per-

chè si starapassero ; se a te ben sovviene

eh’io fui prima a parlarne nel mio gabinet-

to di Busso. Sicchè a me sono di molta
\

gioja per i’onore, che ne l’isulta a te, per

ii merito, che con te se n’è fatto France-
schin nostro, e per esserne io stata la pro-

mo-
loading ...