Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 12): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-12]

Seite: 442
DOI Seite: 10.11588/diglit.28090#0450
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd12/0450
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
XIII.

t

Bologna 1. marzo 17^4.

Benche' la lettera tua, Checchino mio ,
sia breve , non lascia però (Tessermi mol-
to cara ; perchè mi fa buona testimonian-
za deila memoria che tu hai della mamraa
tua ; non è però così della richiesta, che
tu mi hai fatta per mezzo di Franceschin
nostro. ch’io debba mandarti le tue lette-
re. Tu sai bene che ie tue poesie e le poe-
sie di Zanottino, che tu rn’hai favorito con
tanta compitezza, e le tue lettere special-
mente, sono tutti i miei tesori. O vedi
mo’, se sono disposta a privarmi del più ca-
ro, ch’io m’abbia con tanta facilità ! E ve-
ro che tu m’assicuri di restituirrnele , ma
è anche vero che le cose , che molto si
stimano edamauo, non s’affidano con tan-
ta facilità ; però perdonami se per troppo
apprezzare le cose tue , prendo hno in dif-
fidenza te stesso ; nè potrò raai soddisfarti
in questo, quando non abbia da te un pre-

ciso
loading ...