Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 13
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0021
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0021
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite, i3

nota. La legge che mi sono imposta , di
valermi delle parole medesime della prima
per dir tutto ilcontrario, ha reso il lavoro
difhcile, e quasi troppo, per uno scherzo.
Se avessi chi mi sollevasse dal nojoso im-
piego di copiare, ve la trasmetterei. Ma
lo farò daVienna. Ainatemi sempre quan-
to io vi amo e vi onoro ; e credetemi co-
stantemente .

P.S. Mi è stato scritto per ordine del nostro
Sovrano , affìnchè io m’ applicassi a compor*
re un’opera per le nozze che costì si ce-
lebreranno a primavera : ma io non sicuro
ancora del mio incominciato ristabilimen-
to in salute, non ho avuto ardire di pren-
derne l’impegno, incerto di poterlo com-
piere . Questo è il vero mio sentimento :
del quale vi priego di render testimonian-
za in caso che sentiste malignar la mia
scusa. Addio .
loading ...