Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 17
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0025
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0025
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Inedite. ÌJ

li, sono parole otcirne e sonore : ma non
impiegate fln ora afsatto, o pochissimo ne’
lavori poetici , fanno una tal quale disso-
nanza dal tenore di tutto il rimanente , e
presentano i pensieri non rivestiti di tutta
quella decenza , che ( come appunto nelle
vesti) dipende in gran parte dal costume.
E bellissima , per esempio , la voce molla nel
senso metaforico in cui voi i’ usate : ma
non crediate che muova con la medesiina
soliecitudine ad un Italiano l’idea medesi-
ma, che rauove la parola ressort ad uu
Francese, appresso di cui il senso trasìato
di detta voce è divenuto proprio per la
forza dell’uso. Se ne conoscerà fra noi il
prezzo , ma dopo qualche riilessione : e que-
sto sensibilmente diminuito dal rincresci-
mento della novità , e dalla maivagità de’
ìettori (che tutti son uomini ) e per lo piu
ci puniscono delia tardità del loro intel-
letto . La vivacità dei vostro taiento , iu-
tollerante d’ogni specie di servitù, vorreb-
be scuotere questo giogo : ed io mi unirei
volontieri in lega con voi, se credessi ia
provincia men dura : ma così in questa ,
come nella maggior parte delle costuman-
To; XIII, B zq
loading ...