Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 21
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0029
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0029
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ÌNEDll*È. 21

quanto sono stati a noi svantaggiosi. Ama-
temi intanto, perdonate le negligenze del-
la lunga lettera, che non ho tempo di ri-
ieggere, e credetemi *

*o*o*o*o*o*o*ó*o*0*o*o*o*

vi;

P^ienna 1, decembre 1746-

Ho intrapreso ben quattro o cinque voE
te di scrivervi, ma sono tanti i debiti de‘
quali voi mi caricate, e così poco discre-
ti gli acidi miei, e gli stiramenti de'ner-
vi del mio stomaco e della mia testa, che
non sapendo trovar proporzioni fra quel
ch’io posso, e quello che vi deggio, sono
andato differendo ; e senza aumentare ia
facoltà, ho perduto il merito della diligen-
za. Onde per non rendermi più reo di
quel che già sono , ho risoluto d' arrossir
più tosto per la mia debolezza, che som-
ministrarvi motivi , onde ragionevolraente
dubitare dell’amor mio, e della mia rico-
nosceuza .

B 3

Ed
loading ...