Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 23
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0031
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0031
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
I N E D I T E ,

2 3

Nessuno è reo,

Se basta a’falìi sui

Per difesa produr ì’esenipio aìtrui.

Ho riletto attentamente il Conscresso dì
Citera , e mi sono tanto compiaciuto del-
le sue nuove beilezze, quanto del più van-
taggioso lume, in cui avete poste le anti™
che . Me ne congratulo con esso voi : vi
consiglio di non accostar più la lima a co-
sì forbito lavoro, perchè alla fine si perde
il buono cercando l’ottimo, e l’eccesso di
diligenza tira seco gli svantaggi deila tra-
scuraggine. E ve ne parlerei più lungamen-
te, se l’impazienza di ragionar della bel-
lissima lettera che v’è piaciuto indirizzar-
mi, non vincesse ogni aitro mio desiderio .

Sappiate dunque ch’io Uho già letta mol-
te volte , e sempre con nuovo piacere : ohe
rai pare ch’essa si lasci molto indietro l’al-
tra sua soreila sul Commercio : che scintil-
la tutta d’ un certo vivace fuoco poetico ,
onde è ripiena d’ anima in ciascuna sua
parte : che vi sono de’versi che hanno su-
bito ocoupato luogo nelia mia raernoria ,

B 4 e nori
loading ...