Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 34
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0042
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0042
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
54 L E T T E R E

prescrltto (1). Non vi parlo dello stile, nè
della ormai proporzionata fecondità de'pen-
sieri, alla quale avete saputo prescriver leg*
ge senza scemar vigore : perchè già altre
volte ve ne ho fatto parola . Vi avverto
per altro di star sulle difese , perchè non
so come la donna dell’Arno sopporterà 1 a
vostra prudente omissione del suo tanto ce-
lebrato Segretario .

Yorrei pure ubbidirvi allacciandomi la
critica giornèa ; ma non so veramente don-
de incominciare, senza taccia di seccaggi-
ne. Ma aspettate, eceovi tre terribili oppo-
sizioni :

L'altra fra seni all’Appennìno ec. Come
che la parola seno signifìchi qualunque cur-
vità , è sì poco usata nel particolar senso
in cui voi Timpiegate, che non si ritrova
a prima vista .

Che altera in mista alla JDonna del ma-
re: mancando Taccento così su lasesta, che
su l’ottava sillaba , il verso riesce cadente,
e poco sonoro: Nè in questo caso può so-
stenersi col pregio dell’imitazione della co-
sa espressa, come il procumbit humi bos .

L' uno

(1) Y. T. pag. 45. Ep. XIY
loading ...