Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 13): Lettere Italiane — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-13]

Seite: 44
DOI Seite: 10.11588/diglit.28091#0052
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd13/0052
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
44 L E T T E R E

grato e dìfficile lavoro , di cui non sono
men rari i giudici competenti, che gli ar-
tisti soffribili. Comunicatemene il parer yo-
stro dopo averla letta col mio celebratissi-
mo signor Voltaire ; a cui direte in mio
nome ch’io sono tanto superbo del suo vo-
to , quanto lo sarei di quello di Atene e
diRoma: alle quali avrebbe egli già accre-
sciuto ornameuto , come lo accresce ora
all’ illustre sua patria , non senza invidia
di tutte le altre più colte provincie d’Eu-
ropa .

Mi fu recata una vostra lettera dal sig.
abate Millesi ; gli offersi a riguardo vostro
e le mie premure e me stesso : ma egli
fornito forse di più utili o di più dolci co-
nosceuze, nè si è fatto più vedere in ca-
sa mia ; nè ha yoluto confidarmi la sua .
Onde rni ha risparmiato il rincrescimento
di riflettere su la mia insufhcienza a ser-
virlo .

Un’altra me ne ha consegnata il genti-
lissimo signor Torres ; col quale m’incon-
tro quasi che tutti i giorni. Io l’amo co-
me vostroamico, come giovane di non or-
dinario talento , e desideroso di sapere . Mi

pia-
loading ...